User Profile

Yaku.ninja

Yaku.ninja@bookwyrm.gatti.ninja

Joined 1 year, 11 months ago

Ma niente, sto su mastodon, faccio il cartolaio, vedo gente, bestemmio (le precedenti cose non sono sempre direttamente collegate). Sul fediverso mi trovate anche su @Yaku@puntarella.party

This link opens in a pop-up window

Yaku.ninja's books

Currently Reading

avatar for Yaku.ninja Yaku.ninja boosted
Dino Buzzati: Il deserto dei Tartari (Hardcover, Italian language, 2002, Gruppo Editoriale L'Espresso) 4 stars

"Il deserto dei Tartari" narra la storia di Giovanni Drogo, che una mattina di settembre …

L'eterno indeciso

3 stars

Un libro sull'attesa, ma anche sul servilismo, Drogo è un piccolo uomo che non sa pensare con la sua testa e prendere decisioni ferme, si fa inglobare dalla "sicurezza" di una vita scandita da ritmi, lontana da qualsiasi tentazione, cambiamento e dinamismo che lo potrebbero portare a decidere e a cambiare. In attesa di qualcosa che possa dare alla sua vita un senso, una morte da eroe o un solo dire "io c'ero". Posto poi chinare il capo ed essere deluso anche quando poteva essere almeno spettatore.

Il libro non mi è particolarmente piaciuto ma mi ha trasmesso quel senso di inadeguatezza, costrizione e mancanza di volontà.

@twisterrm alla fine a me ha fatto compassione e pena. Vedersi la vita scorrere tra le dita senza voler o poter far nulla, con speranza passeggere che svaniscono sistematicamente aumentando l'apatia e la rassegnazione. La continua ricerca di un obbiettivo, di una fine grandiosa nell'attesa di un esercito nemico che non arriva mai se non quando è troppo tardi. Certamente un personaggio deprimente, mai soddisfatto, inconcludente e a tratti cinico, costretto a giocare un ruolo imposto (e in parte voluto e accettato). Mi ha colpito il momento in cui, tornando dalla città incontra un giovane ufficiale diretto alla fortezza, e si rende conto in quel momento, ricordando il suo arrivo, di tutto il peso degli anni, il ribaltarsi dei ruoli, la consapevolezza di essere diventato quello che non avrebbe mai voluto ("massimo quattro mesi" si diceva). Lo schiaffo in faccia dato dal tempo, che da giovane credeva infinito, fino a …

avatar for Yaku.ninja Yaku.ninja boosted

Drogo è un personaggio brutto, uno di quelli che mentre leggi un libro con più storie vuoi scrollarti di dosso presto, un riempitivo. Ecco, di un riempitivo è stato fatto un personaggio, lui non è niente, come niente arriva e come niente se ne va, senza aver compiuto nulla di notabile, senza che sia conosciuto o ricordato neanche quando dopo una vita di caserma e nonostante sia un graduato viene preso per il culo dai giovani che vanno in guerra a "morire da eroi", invidia anche il gesto stupido di Angustina che muore assiderato solo perché il momento era propizio a fare una fine degna. È tanto inutile che Buzzati gli fa saltare 25 anni di vita con una pagina a dimostrazione del fatto che vive in uno stato di stasi, attesa, del tutto trascinato dalla vita e dal tempo.

avatar for Yaku.ninja Yaku.ninja boosted

replied to twisterrm's status

@twisterrm allora, premetto che a un certo punto l'ho dovuto mollare per un paio di giorni perché Drogo mi innervosiva, la sua passività esasperante era diventata claustrofobica. Detto questo lui, secondo me, è un non-personaggio, sospeso in un non-tempo, totalmente succube del ritmico fluire di un non-luogo. Un uomo banale, piccolo e che non sa alzare la testa in nessun momento, lascia che la vita gli fluisca addosso e d'improvviso si ritrova vecchio senza aver concluso nulla. Trovo che sia una grossa critica sociale verso quelle ideologie che in generale portano a non fare nulla perché tanto nulla serve a cambiare le cose. Nemmeno l'ingiustizia riesce a fargli scrollare di dosso la passività, la vede, la riconosce, ne soffre, ciononostante la manda giù, incapace di imporre la sua personale scelta. Quello che traspare leggendo è che nei casi come quelli di Drogo, ciò che succede è l'abbandono ad una vita …

avatar for Yaku.ninja Yaku.ninja boosted

replied to Yaku.ninja's status

@twisterrm (metto qui degli appunti mentre leggevo il libro che in parte rispondono, perchè ho il fantastico superpotere di dimenticarmi i libri letti dopo 1 giorno dalla lettura )

È come se Buzzati avesse rovesciato la teoria del piacere leopardiana per poi schiantarla addosso a tuttə, a chi legge e al romanzo stesso: il tempo una volta trascorso tra attesa e fantasticazioni fini a se stesse non è piacevole ma una condanna ad una vita infelice.

È sorprendente quanto intrattiene un racconto che per tutta la sua durata resta sospeso in un'attesa via via sempre più deprimente, anzi arrivando a dire che bisogna rassegnarsi, perchè le cose sono così: Drogo è il naturale protagonista destinato per affinità ad un luogo del genere. Ho anche apprezzato alcuni elementi tragicomici (su tutti il falsoallarme di un'invasione) ma meno il finale (a mio avviso dello stesso tono): sbrigativo a congendarsi da Drogo facendogli …

@twisterrm Va bene, apriamo le danze in grande stile con una domandona: Secondo voi, cosa voleva comunicare l'autore ai lettori con questo libro?

E metto qui la mia. Non ho un'idea precisa, ma penso che volesse comunicare due cose, partendo dall'insensatezza della vita senza scelte o senza il coraggio delle scelte, in attesa di eventi futuri propizi che possano cambiare le cose, esattamente nel modo in cui Drogo non sceglie mai veramente di andarsene da un luogo che sembra tenerlo bloccato in una prigione senza catene, e in contrapposizione l'idea che una vita abitudinaria, statica e senza gloria, possa essere comunque una vita degna di essere vissuta, fino alla fine, tra piccole cose, poche persone amiche, routine marziali familiari e un luogo che nonostante tutto diventa casa.

avatar for Yaku.ninja Yaku.ninja boosted
Dino Buzzati: Il deserto dei Tartari (Hardcover, Italian language, 2002, Gruppo Editoriale L'Espresso) 4 stars

"Il deserto dei Tartari" narra la storia di Giovanni Drogo, che una mattina di settembre …

Dai che succede, dai.

5 stars

Content warning Rivelazioni piuttosto importanti.

Dino Buzzati: Il deserto dei Tartari (Hardcover, Italian language, 2002, Gruppo Editoriale L'Espresso) 4 stars

"Il deserto dei Tartari" narra la storia di Giovanni Drogo, che una mattina di settembre …

Incredibile come un libro dove non succede niente, possa essere così avvincente. In un certo senso ti immedesimi col personaggio, perché anche in lettura, capitolo dopo capitolo ti aspetti che succeda qualcosa degno di nota. Fino alla fine.

avatar for Yaku.ninja Yaku.ninja boosted
avatar for Yaku.ninja Yaku.ninja boosted
avatar for Yaku.ninja Yaku.ninja boosted
Filo Sottile: Senza titolo di viaggio (Paperback, Italiano language, Alegre) 4 stars

Rombi di tuono e lampi: entrano in scena tre streghe. Così comincia il Macbeth. Di …

Urgenze gemelle.

No rating

Scrive Filo Sottile sul suo blog: “Senza titolo di viaggio è un libro molto politico nelle intenzioni, ma che mi è uscito anche molto intimo. Ho aperto, tra le altre, un bel po’ di porte della mia storia. Di nuovo colpa dell’urgenza.”

Ho sempre guardato all’urgenza come ad un elemento necessario, imprescindibile per la scrittura. Per la buona scrittura. Quella di Filo Sottile, di urgenza, percorre tutta la totalità del suo testo, a volte come un sottofondo quasi irriconoscibile, a volte come una scarica. Una scarica di nocchini, per la precisione. Urgenza di dire e urgenza di dirsi. Fuse, separate, sovrapposte, intercambiabili. Urgenze gemelle.